Opzioni MIBO - OPT25 - Studio di Sistemi

rubrica: 

 

 

 

Alfiero Azzurri comincia i propri studi caricando su un foglio Excel i dati di Borsa del Corso Opzioni che anche voi potete richiedere …

 Come certo ricorderete dalla volta scorsa, il dibattito aperto tra Fiona e Tea si è concluso in modo soddisfacente e definitivo.
Pur volendo uscire dal mondo dei fumetti e delle avventure, va detto che la soluzione proposta dalle nostre amiche immaginarie è sostanzialmente corretta e pertinente.
Il succo del loro lucido e attento ragionamento si concretizza in una reciproca collaborazione: Fiona e Tea ammettono che l’Analisi Fondamentale e l’Analisi Tecnica possono e debbono convivere e interagire.
L’obiettivo di Fiona resta la quality mentre quello di Tea è il timing.
L’esatta combinazione della scelta dei Titoli (quality) e del momento di intervento (timing) conducono necessariamente al successo operativo.
 
Ma poiché in questo Corso ci rivolgiamo ai Derivati dell’S&P/MIB, dobbiamo allontanarci da Fiona per i contributi sull’Analisi Fondamentale perché da qui in avanti concentreremo la nostra attenzione sui tecnicismi di Tea e di Alfiero.
 
… di Fiona non scorderemo però l’impegno reso nella ricerca dei Titoli e delle Società più ambite dalla Borsa durante le fasi di rialzo (Bullish).
I Reports di Analisi Fondamentale e i Parametri Societari ci permetteranno di operare nell’ambito della Stock Selection cioè della scelta dei Titoli in grado di cavalcare i Rialzi con maggiore energia.
 
Tea ha reso onore all’importanza del Timing che si conferma fondamentale in qualsiasi strategia operativa: ciò che veramente conta è sapere quando comprare e quando vendere perché è dimostrato che acquistare Titoli – per quanto ottimi - nei momenti sbagliati, non ripaga mai le aspettative.
 
Alfiero e Tea si sono dunque attrezzati con sofisticati mezzi informatici per realizzare gli obiettivi dell’Analisi Tecnica, lo studio euristico che porta le iniziali dei loro stessi nomi: la A e la T.
 
Alfiero Azzurri comincia i propri studi caricando su un foglio Excel i dati di Borsa del Corso Opzioni che anche voi potete richiedere:
 
 
Si tratta della Serie Storica del MIB30 di 1615 Sedute: dal 2 gennaio 1998 al 21 maggio 2004 corrispondenti a 2331 giorni gregoriani (vi ricordo che il Mercato è chiusa il sabato, la domenica e nei giorni definiti dal Calendario di Borsa).
 
Nota:
 
Il file MIB30 utilizzato in questa lezione è stato “rettificato” in conseguenza dei 2 “stacchi” dei dividendi del 2004:
·         1° stacco:    19 aprile 2004         pari a -0,3965%
·         2° stacco:    21 maggio 2004       pari a -2,02%.
 
Vi consiglio di riguardare con attenzione i contributi relativi a questo argomento:
 
  • Sottostanti reali e sottostanti rettificati.
  • Come creare un S&P/MIB abbattuto con Excel.
  • Reazioni a catena: l’effetto Flood.
Riporto gli spunti principali di quelle lezioni:
 
·         … le Serie Storiche dovranno essere inequivocabilmente e il più possibile rappresentative.
·         … Recentemente abbiamo discusso in merito allo Stacco dei Dividendi Azionari e all’impatto sull’ Indice di riferimento: la distribuzione degli utili azionari provoca un innaturale e violento abbattimento dell’ Indice Paniere. E poiché l’Indice viene utilizzato come Serie Storica dei Trading System, sarà fondamentale prestare la massima attenzione affinché lo stacco-dividendi non inquini la Serie utilizzata come riferimento. In altre parole: lo Stacco produce uno shock all’Indice.       
·         … Se decidiamo di ignorare l’evento, avremo a che fare con una Serie Reale inquinata
·         … Se invece decidiamo di prenderlo in considerazione, dovremo creare una nuova Serie Rettificata che non risulterà più in linea coi dati ufficiali di Mercato ma avrà caratteristiche di perfetta rappresentatività. Per quanto riguarda l’ esperienza personale, i risultati dei Trading System costruiti sulle Serie Rettificate hanno dato risultati di gran lunga migliori.
 
Alfiero e Tea hanno visualizzato sul monitor il file del MIB30: questo lungo periodo di 6 anni e mezzo è rappresentativo in termini statistici, specialmente perché è stato contrassegnato da fasi alterne e violente.
 
Alfiero ha subito riconosciuto 7 Cicli principali:
 
A.     Una fase di ‘preparazione’ durata circa 2 anni: dall’inizio del ’98 all’autunno del ’99.
B.     Un ‘rialzo’ anomalo e drogato dall’inverno ’99 alla primavera 2000.
C.     Un movimento ‘laterale’ e di ‘distribuzione’ fino all’autunno 2000.
D.     L’inizio di un lungo e devastante ribasso culminato nel settembre del 2001.
E.      Un tentativo di rimbalzo fallito fino alla primavera del 2002.
F.      Una ripresa del movimento ribassista culminato con 2 nuovi minimi relativi nell’autunno 2002 e nella primavera 2003.
G.     Un nuovo e definitivo movimento impulsivo tuttora in corso.
 
Le conclusioni di Alfiero per il momento sono solo ‘visive e grafiche’:
 
 
Partendo dalla Serie Storica:
 
 
… e schiacciando la funzione F11 della tastiera, Excel restituisce la grafica dei dati in esame.
 
Alfiero ha preso una certa dimestichezza con le funzioni di Excel e ne ha ricavato un diagramma visivamente gradevole:
 
 
Nota:
Il file Excel che potete richiedere per questa lezione è costituito da un Foglio “Numerico” e da altri “Fogli Grafici”.
Quello a cui ci stiamo riferendo è denominato ‘Tutto’.
Cliccando col tasto destro del Mouse nell’Area del Tracciato comparirà un menù a tendina in cui scegliendo l’opzione Tipo di grafico verificherete che si tratta di un Grafico a Linee.
Excel consente moltissime possibilità e potrete ingegnarvi a scegliere quella che meglio appaga la vostra immaginazione e il vostro colpo d’occhio.
 
Osservando lo sviluppo grafico del Sottostante al passare del tempo, Alfiero ricava subito la prima e fondamentale regola di ‘tendenza’.
 
Il diagramma evidenzia senza ombra di dubbio la sintesi delle attività finanziarie collettive che si riassume nelle due “massime” fondamentali:
 
·         Il Trend ti è amico
·         Attento a non andare contro il Trend.
 
Vediamo così il Primo ragionamento di Alfiero:
 
 
Esatto !!!   Alfiero e Tea hanno identificato il primo elemento fondamentale per le loro future scelte operative: il Trend.
 
In particolare, zoomando l’ultimo periodo, si sono accorti che il trend in corso è bullish da ottobre 2003 !
 
 
… Tea va oltre il ragionamento di Alfiero e dall’analisi grafica del Sottostante annota l’esistenza di Canali ascendenti tipici di un Mercato Bullish.
Vediamo così il Secondo ragionamento di Tea:
 
Traducendo l’analisi grafica in termini di studio comportamentale, è facile concludere che l’aumento degli ‘appetiti’ abbia man mano coinvolto nuovi partecipanti: più il flusso degli acquisti prende consistenza e più si intensifica la domanda.
La sola idea di non poter partecipare ai guadagni derivanti da una Borsa in crescita infastidisce più di un Operatore che, quanto prima, approfitta dei naturali storni fisiologici per presentarsi compratore sul Mercato.
 
L’eco del Rialzo richiama nuovi partecipanti e, inevitabilmente, si viene a creare un circolo virtuoso e un conseguente riscaldamento delle quotazioni.
L’effetto finale si traduce in un nuovo aspetto grafico della tendenza, cioè in un successivo Secondo Canale Ascendente ancor più aggressivo.
 
Tea ci racconta ciò che ha notato col passare del tempo:
 
 
Al Primo Canale rialzista (ottobre 2003 – agosto 2004) si è sostituito un Secondo Canale più tonico (agosto 2004 – marzo 2005).
 
Ciascun Canale ha presentato escursioni angolari prestabilite (le potete notare dalle fasce evidenziate in Rosso e in Blu).
Gli Operatori sono stati molto attenti a non ‘forzare’ i prezzi né troppo a rialzo né troppo a ribasso.
Una specie di ‘accordo’ ha stabilito una silenziosa e coordinata ‘regia’ in grado di mantenere il Trend entro due binari stabiliti:
 
  • Supporti        nel senso di: ‘binario inferiore’
  • Resistenze     nel senso di: ‘binario superiore’. 
La rappresentazione grafica ci aiuta a visualizzare il Primo Canale rialzista e la successiva accelerazione del Secondo.
 
 
Lo studio del Trend, dei Supporti e delle Resistenze fa parte dei cosiddetti “Sistemi Euristici Grafici” dell’Analisi Tecnica.
 
Si tratta di regole NON RIGOROSE sotto l’aspetto scientifico (euristico proviene dal greco Heuriskein nell’accezione di: scoprire, trovare) ma comunque in grado di offrire risultati statisticamente apprezzabili.
I Sistemi Euristici Grafici dimostrano, se non altro, una certa validità comportamentale e tendono a dare risposta alle due regole fondamentali del Trend (amicizia del Trend e profezia Autoverificantesi).
 
… ma le perplessità sopraggiungono inevitabili ma mano che si procede nell’analisi …
 
E, come al solito, è Tea a mettere in guardia Alfiero di una ‘scoperta postuma e quanto mai inutile’.
 
 
Tea è preoccupata e spinge il marito a trovare nuove possibilità di analisi ...
Alfiero reagisce e si dà da fare: scartabellando tra i testi sacri dell’Analisi Tecnica rintraccia una pista molto importante.
 
Le leggi della statistica confermano l’esistenza di una regola pratica fondamentale e utile nelle previsioni.
 
Si prende la Serie Storica e la si divide in tre parti (settori):
 
1)     Il primo 15%
2)     Il 60% centrale
3)     Il rimanente 25%.
 
Ecco pronto lo SHARE (divisione) in tre settori di studio:
 
 
·         Nel primo 15% Alfiero eseguirà il cosiddetto “Back Test”
·         Nel secondo 60% avverrà la fase di “Study”, cioè l’ottimizzazione delle regole del Back Test
·         Nel terzo 25% destinato al “Forward”, si consolideranno i risultati realizzati nelle due fasi precedenti.
 
In pratica, la serie Storica verrà ‘spezzata’ in 3 tronconi:
 
A)         Back test: 15% (pari a 241 giorni).
 
 
B)         Study: 60% (pari a 968 giorni).
 
 
C) Forward: 25% (pari a 404 giorni).
 
 
Lo scopo per cui si procede a questa divisione della Banca Dati deriva dalla necessità di verificare le capacità del Trading System in condizioni diverse da quelle iniziali.
Questo ‘frazionamento’ consente di evitare una movimentazione esasperata delle formule del Trading System fino a trovare una combinazione drogata e quindi falsa e illusoria.
 
Lo studio effettuato sul primo troncone e l’ottimizzazione svolta sul secondo, evitano la cosiddetta “sovraottimizzazione” (Curve Fitting), cioè l’esasperazione del Modello preso in esame.
La banca dati della fase centrale (Study) è fondamentale per la verifica della stabilità del programma: un buon Trading System deve essere in grado di produrre sempre gli stessi risultati, indipendentemente dalle condizioni.
 
… grafica, Excel, rettifiche del Sottostante, share …
 
Niente paura, cari amici, siamo nelle mani di Tea e Alfiero: due abili, attenti e caparbi studiosi di Borsa.
 
E la prossima volta seguiremo le acrobazie dell’avvocato sul tema dell’Analisi Tecnica Quantitativa e su altre questioni veramente molto interessanti.
 
Non mancate quindi all’appuntamento.
 
Francesco Caranti