Opzioni MIBO - OPT26 - Trading System: l’Equity Line

rubrica: 

 

 

 

 

Di fronte al ‘trompe l’oeil’  crolla anche il Graficista più convinto e questo è il motivo che sprona Alfiero a cercare altre strade più convincenti ...

 
Come abbiamo avuto modo di valutare la volta scorsa attraverso i ragionamenti di Tea e Alfiero, il primo contributo dell’Analisi Tecnica è lo studio visivo e grafico delle Serie Storiche.
L’andamento del Chart al passare del tempo permette subito di farsi un’idea del movimento di Mercato in corso e di anticipare, seppur grossolanamente, la tendenza futura: questa la teoria dell’Analisi Grafica.
Per esempio, la tenuta (o al contrario: la violazione) delle linee di Supporto e di Resistenza è gia un buon motivo per essere in linea con l’opinione comune degli Operatori e quindi per avere conferma (o meno) la continuazione del Trend.
 
Ma come tutte le cose della vita, anche l’Analisi Grafica pecca di difetti, di cui il primo è certamente il riconoscimento tardivo delle violazioni.
Tanto per essere più chiari, come certamente ricorderete, Tea ha sottoposto Alfiero a un test elementare (la prova del cartoncino) che si ottiene nascondendo progressivamente lo sviluppo del grafico in esame. Alfiero si è reso conto che tutto ciò che sembrava facile individuare a grafico ‘scoperto’ diventava di difficile o quasi impossibile interpretazione dopo averlo mascherato.
In questo senso, di fronte al trompe l’oeil, crolla più di un ‘graficista convinto’ e questo è il motivo che sprona Alfiero a cercare altre strade più convincenti.
Pur non volendo togliere all’Analisi Grafica il valore che le compete, non ci si può e non ci si deve accontentare: testardi e tenaci iniziamo a sperimentare nuove soluzioni di Analisi.
La Statistica ci insegna attraverso la teoria dei campioni a ripartire la Serie Storica in zone di ampiezze opportunamente codificate in cui poter esaminare i dati e trarre previsioni corrette ed affidabili: stiamo parlando dei cosiddetti Sistemi Euristici Quantitativi.
 
A questo proposito, il campionamento proposto (15%, 60%, 25%) è ritenuto tutt’oggi tra i più convincenti.
Nel Back Test daremo forma alla fisionomia del Sottostante, nello Study perfezioneremo le regole e nel Forward potremo procedere ad applicarle.
 
Per la costruzione di un Sistema Quantitativo occorre prima di tutto impostare delle regole (cioè delle funzioni matematiche precise) per poi valutarne l’andamento nel tempo.
Queste regole possono essere il frutto di semplici Analisi personali o appartenere a un dominio collettivo di Indicatori Popolari.
L’unica raccomandazione è che la formula usata nelle tre zone resti sempre e assolutamente la stessa.
 
Alfiero ha assimilato il concetto e ci propone i propri studi:
 
La motivazione che porta alla costruzione di una Media di prezzi, risiede principalmente nella possibilità di individuare una pista (cioè: un canale) in sintonia col Trend.
 
Alfiero è convinto che … “quando l’eccessiva osservazione dei valori di Mercato offusca la visione del movimento complessivo dei prezzi, il ricorso agli automatismi permette un’analisi più serena ed imparziale”.
 
… e, in effetti, ha pienamente ragione: l’automatismo ci consentirà di rimanere molto più distaccati dai rumors di mercato.
 
Il modo più semplice per determinare e valutare il Trend si ottiene con la costruzione di una Media rappresentativa.
 
Entrando nello specifico, Alfiero prende in considerazione il primo blocco di dati (Back Test) e costruisce la Media Mobile Semplice scegliendo un dominio di 10 giorni.
 
Vediamo subito il significato.
 
Partendo dai primi dati del 1998, si crea un foglio Excel di questo tipo:
 
 
In pratica, i primi 9 giorni servono come ‘volano di accumulazione’ dei dati: ogni giorno si procede a sommare il valore di chiusura dei prezzi come risulta da questo esempio: 24870 + 25689 + … + 26418.
La somma dei valori di chiusura dal 2 al 15 gennaio (ecco i 10 giorni di dominio) risulta uguale a 257.338.
 
Questa somma va ora divisa per i 10 giorni presi in considerazione ottenendo un valore medio arrotondato di 25.734.
 
Ecco la Media Mobile Semplice a 10 giorni, cioè la somma dei valori del periodo diviso il numero dei periodi.
 
Ovviamente si procede ogni giorno allo stesso modo (tecnica FIFO: First In First Out = Il primo ad entrare è il primo ad uscire) mediante l’eliminazione del dato più vecchio e l’inserimento dell’ultimo.
 
Vediamo la sequenza:
 
Il 10° giorno (16 gennaio 1998) si annota la media tra il 1° e il 10° (colonne: From e To).
E procedendo:
 
·         La Media dell’11° giorno dipende dai prezzi compresi tra il 2° e l’11°
·         La Media del 12° giorno dipende dai prezzi compresi tra il 3° e il 12°
·         … e così via …
 
Con Excel è abbastanza facile impostare la regola della Media Mobile Semplice a 10 giorni.
Ogni cella si ottiene dalla formula: =SOMMA(cella X : cella X+9)/10.
 
Vediamo i risultati grafici della Media trovata (in blu) sopra al grafico del MIB30 del periodo: 2-1-1998 / 11-12-1998.
 
Da un punto di vista ottico, la curva blu tende ad assecondare il Mercato con un’approssimazione apparentemente buona.
 
Vi ricordo che il valore della media fissato a 10 giorni è del tutto arbitrario: per la teoria empirica della fisionomia che ci raccontava Tea la volta scorsa, al momento questo valore appare soddisfacente, almeno sotto un profilo generale.
 
 
Nota:
Excel consente applicazioni grafiche veramente ‘eccellenti’ ma, per i nostri scopi, risulta un po’ carente in termini di flessibilità.
Per questo motivo, molte delle immagini che vedremo sono state realizzate con altri Software applicativi.
Da oggi utilizzeremo anche Metastock (Equis Metastock - Reuters Group) che ringraziamo per il supporto fornito.
 
Come tutti i Software di Borsa, anche Metastock permette di effettuare il cosiddetto System Tester.
 
In pratica si sottopone al programma la formula da verificare affidando un capitale iniziale convenzionale di 1.000$: in qualche secondo si ottengono i risultati desiderati.
 
Il test consente di capire come sarebbero andate le cose nel passato: nel nostro caso relativamente al primo troncone del campionamento.
 

Alfiero ha studiato con dedizione i codici Metastock e richiede il test di questa formula:

 
  1. Enter Long    Ref(mov(c,10,s),-1 < mov(c,10,s)
  2. Close Long    Ref(mov(c,10,s),-1 > mov(c,10,s)
  3. Enter Short  Ref(mov(c,10,s),-1 > mov(c,10,s)
  4. Close Short   Ref(mov(c,10,s),-1 < mov(c,10,s).
... non spaventatevi ... la spieghiamo subito in modo semplice.
 
Nota importante:
 
Nel linguaggio di Borsa i termini Long e Short si prestano a facili confusioni:
·         Nell’ambito delle Opzioni (o dei Futures) si è Lunghi quando si è materialmente in possesso del contratto mentre, a rovescio, si è Corti quando si vende un contratto senza averlo sperando di riacquistarlo più avanti a un prezzo inferiore.
·         Quando invece si parla di Trading System, Long significa Rialzo (cioè: Buy) e Sell significa Ribasso (cioè: Sell).
… sono d’accordo con voi che si potevano inventare terminologie un po’ più chiare … pazienza, ci faremo l’abitudine !
 
Torniamo alla formula di Alfiero e cominciamo dalla traduzione:
 
  1. Enter Long    significa:       Entra in Acquisto
  2. Close Long    significa:       Vendi l’Acquisto
  3. Enter Short   significa:       Entra Scoperto (cioè: vendi quello che non hai riservandoti di ricomprarlo più avanti)
  4. Close Short   significa:       Ricopriti dello Scoperto (cioè ricompra quello che avevi venduto).
 Ma subito sopraggiunge Tea con le consuete osservazioni:
 
 

 

Tea ha ragione: i movimenti possibili in Borsa sono 2 e soltanto 2: vendere o comprare.
 
Perché mai Alfiero ne sta utilizzando 4?
 
Ma a pensarci bene, ogni volta che il Sistema cambia direzione (da Long a Short o viceversa da Short a Long) occorre fare 2 passaggi:
 
    • Chiudere il movimento in corso
    • Aprirne un altro di segno opposto.
 Ecco dunque i 4 movimenti del Sistema !!!
 
 
I Sistemi che, per così dire, rovesciano la loro posizione tra una fase e l’altra, si definiscono SAR (Stop And Reverse).
 
 
 
La traduzione degli ordini che Alfiero ha impartito al programma, in termini un po’ più umani, è la seguente:
 
 
  1. Entra in acquisto               quando la Media Mobile Semplice con dominio 10 di ieri è minore di quella di oggi
  2. Vendi l’acquisto                 quando la Media Mobile Semplice con dominio 10 di ieri è maggiore di quella di oggi
  3. Entra Scoperto                  quando la Media Mobile Semplice con dominio 10 di ieri è maggiore di quella di oggi
  4. Ricopriti dello Scoperto       quando la Media Mobile Semplice con dominio 10 di ieri è minore di quella di oggi.
 
In pratica Alfiero chiede a Metastock di verificare ciò che succede ogni qualvolta la Media Mobile a 10 giorni cambia direzione.
 
E per far questo si ricorre al confronto tra il valore della Media di ieri e quello di oggi.
 
… carino, vero ? 
 

 

… Metastock si è dimostrato prodigo con Alfiero: i risultati sono molto lusinghieri!
 
Il grafico superiore (che si chiama Equity Line) è sempre positivo: la regola di Alfiero sembra, per il momento, una regola vincente.
Volendo trascurare qualche ‘alto e basso’ , la curva degli utili resta sempre sopra lo zero.
 
… bravo avvocato Azzurri, lei ha usato la testa e merita davvero tutti i nostri complimenti!
 
  
 
… ma stia in allerta, Alfiero, perché la prossima volta l’aspettiamo al varco! … vogliamo saperne di più della sua Media Mobile a 10 giorni nell’intervallo di Study e … specialmente nel Forward !!!
 
E così vi lascio a riflettere sul Trading System di Alfiero, sul Long, lo Short, il SAR … chissà come andrà veramente a finire ?
Approfondiremo l’argomento e ci concentreremo sull’ottimizzazione dei Trading System.
 
Vi ricordo che se questa materia vi sta appassionando per davvero, non potrete fare a meno di un Software di Borsa perché Excel, senza un lavoro complesso di programmazione di Macro Visual Basic, non è idoneo allo scopo.
 
E’ in via di definizione un accordo che prevede uno sconto per l’acquisto di Metastock riservato ai lettori di www.francescocaranti.net : per saperne di più potete scrivermi una mail.
 
Vi attendo la prossima volta, felice di rispondere alle vostre domande.
 
A presto.
 
Francesco Caranti