Derivati di Borsa Swaps - SW0 - Gli Swaps e Blyte Masters

rubrica: 
Autore: 

… Caterina de’ Medici 1519 -1589 regina controversa, austera e malvagia? …
 
La regina consorte di Francia, sposa di Enrico II a metà del 1500 apre la nostra presentazione sul tema degli Swaps. Che c’entra? Lo capiremo molto presto.

Caterina, pur di provenienza borghese in quanto figlia di Lorenzo de’ Medici e pronipote di Lorenzo il Magnifico non era di sangue reale e ciò pesò molto nella vita di corte all’inizio del regno.
La felicità nuziale durò solo per qualche giorno perché l’aristocrazia di Parigi iniziò a lamentarsi di colei che veniva definita da tutti una misera mesalliance.
Caterina non era dunque ritenuta all’altezza del sovrano che in sé non l’amava e la disprezzava per la bassa statura, gli occhi sporgenti e i lineamenti troppo marcati.
La sua infecondità fece il resto tanto che il consorte si diede alla bella vita in Italia dove ebbe un figlio da una servetta milanese.
Ma Caterina corse ai ripari dandosi alle cure di alchimisti e medici di corte tanto che divenne talmente feconda da generare ben dieci figli che più tardi divennero anch’essi re e regine.
Dopo una vita complessa e intrisa di guerre e lotte intestine la regina è rimasta famosa come l’incarnazione della spietatezza e del dispotismo.
Spietatezza, malvagità, austerità, tre attributi che l’hanno contraddistinta fino al secolo scorso, fin quando cioè la storiografia tradizionale ha rimesso completamente in discussione il suo profilo.
Tant’è, ma gli attributi restano e la leggenda nera peserà sempre su di lei.

Al nostro secolo, invece, pare che la novella Caterina de’ Medici si sia incarnata in una giovane matematica di Cambridge, la signorina Blythe Masters soprannominata "The Woman who built financial Weapon of Mass Destruction".
Che sia veramente lei quella che ha inventato le vere Armi  di Distruzione di Massa?
Qui si parla di armi finanziarie, ovviamente, ma questo è ciò che dice il Guardian in un articolo del settembre 2008.
E’ stata questa donna a inventare la formula matematica per il CDS (Credit Default Swap),  come anche l'Alt A e altri filtri magici per la JP Morgan Bank nel 1995.
L'idea di base è la seguente: come trasferire il "rischio di default" su una persona diversa dalla banca che lo presta inizialmente?
La Master ha dichiarato al giornalista del Guardian che l'ha interrogata sugli effetti distruttori sull'economia mondiale, della sua invenzione: "Io credo che le CDS sono state mal utilizzate", esattamente come un povero operaio tende ad  incolpare i suoi strumenti. Insomma, come l'inventore della dinamite, il signor Nobel, o del revolver, il signor Colt”.
Non sappiamo se sia stata lei ma intanto, a proposito di questi CDS è necessario conoscere un po’ più da vicino questi SWAPS che altro non sono che ‘scambi’ (baratti) tra una parte che  cede e un’altra che accetta.
Per questo motivo oggi ho il piacere di ripresentare un lavoro svolto nel 2005 in collaborazione col dottor Ralph Sassun, un giovane e caro collega allora studente alla Luiss di Roma e oggi nell’olimpo di una multinazionale.
Alla categoria degli Swap appartengono moltissimi baratti: dal più semplice IRS (Interest Rate Swap) ai più complessi Currency, Differential, Basis Swap fino al famigerato CDS, cioè il Credit Default Swap in cui si scommettono le prospettive di crollo dell’entità sottostante, in altre parole, il fallimento … roba da niente rispetto alla spietatezza di Caterina de’ Medici!
 
Con calma e sempre coi nostri fumetti partiremo dall’inizio.
La prossima volta ci terrà compagnia un grossista di cappelli della bassa mantovana che ha in mente un business con un altro intermediario, un certo furbastro a nome Lorenzo Lenza.
 
Vi attendo presto
 
Francesco Caranti