OV 16 - Osti e Vini e Superenalotto

 

 

 

 

… qualche fortunato abitante del pianeta ha azzeccato il sei del superenalotto. Forza, fortunato vincitore del montepremi! contatta un consulente indipendente (verifica che lo sia veramente e che non sia pagato dalla banca) ed inizia a godere dei tuoi soldi …

 
Pausa estiva terminata, così come le vacanze … si ritorna al lavoro (parlo a titolo personale naturalmente!); nel frattempo qualche fortunato abitante del pianeta ha azzeccato il sei del Superenalotto, portandosi a casa 147,8 milioni di euro! Si vocifera che sia un abitante di Bagnone, paesino della Lunigiana in provincia di Massa Carrara, poiché è lì che è stata giocata la schedina vincente da due euro.
Una bella fortuna! Come calcolato dal nostro Francesco Caranti su http://www.francescocaranti.com/oltre_la_borsa/superenalotto, le probabilità di vincita sono 1/622.614.630, più o meno le stesse che un meteorite ci caschi sulla testa! Ma resta il fatto che, prima o poi, la combinazione deve essere azzeccata da qualcuno! Questa volta ci sono voluti sette mesi e il montepremi (perché chiamarlo jackpot quando esiste la parola in italiano?) è salito alle stelle.
Posso immaginare la confusione che regna in testa a questo/a/i vincitore/a/i e alla circospezione che dovrà usare per evitare che orde di sciacalli si fiondino sulla vincita, con mille richieste di sovvenzioni, prestiti, elargizioni e proposte di investimento. E qui arriva il punto.
Nel passato, e non solo in Italia, è capitato che i fortunati vincitori di somme cospicue, vinte giocando a lotterie varie, si siano lasciati “prendere la mano” e abbiano dilapidato in poco tempo la fortuna, spendendola per oggetti inutili o investendola in progetti assurdi.
Chi meglio di un consulente finanziario indipendente potrebbe prendersi cura di un patrimonio così rilevante, chi meglio di una figura professionale indipendente potrebbe consigliare circa la corretta ripartizione della somma tra le differenti possibilità di investimento e gli sfizi che il nuovo Paperon de’ Paperoni si vorrà giustamente togliere, chi meglio di un professionista della consulenza agli investimenti potrebbe pianificare il sereno futuro suo e dei suoi discendenti?
Certo, il consulente in questione dovrebbe essere molto bravo, ma i professionisti seri non mancano.
Nessun giornalista ha accennato a questa assennata soluzione: hanno preferito fare congetture sull’identità del vincitore e su come avrebbe speso il suo denaro.
Vorrei anche ricordare che è consentito dal nostro ordinamento delegare qualcuno al ritiro della vincita, precauzione quanto mai auspicabile per evitare che troppi avvoltoi inizino a volteggiare. Questo qualcuno può essere un professionista (avvocato, commercialista, notaio, ma ora anche consulente agli investimenti indipendente) oppure un istituto bancario e l’incarico sottintende un compenso percentuale e assoluta discrezione da parte dell’incaricato. Se questa discrezione è assicurata dai professionisti per deontologia professionale, codice etico, privacy e così via, dubito che possa essere altrettanto certa nel caso dell’intervento della banca, che deve diffondere, almeno ad un certo numero di persone, i dati del nuovo multi milionario, per poter assolvere a tutte le pratiche burocratiche del caso.
 
Esiste una sola figura professionale che può garantire discrezione, privacy, pianificazione finanziaria, analisi dei mercati, diversificazione, contenimento del rischio, incremento dei rendimenti, insomma una corretta gestione complessiva della vincita, prima e dopo la riscossione: è quella del consulente agli investimenti indipendente. Perché non utilizzarla?
 
Forza, fortunato vincitore del montepremi! contatta un consulente indipendente (verifica che lo sia veramente e che non sia pagato dalla banca) di tua fiducia ed inizia a godere dei tuoi soldi!
 
Alla prossima!
 
Marco Degiorgis
 
Per informazioni, commenti o curiosità scrivete a: md@francescocaranti.net