Trading con le Opzioni - Curiosity Killed The Cat

Autore: 

Mi stavo apprestando a leggere la seconda dispensa sugli indicatori di Caranti per commentarla insieme a voi, ma poi una voglia mi ha stuzzicato il pensiero.

Studiare è bello e porta un sacco di valore aggiunto; il più delle volte si studia per necessità ma, anche in questo caso, ci vuole sempre un pizzico di curiosità. Dev’essere proprio la curiosità a muovere la voglia, altrimenti non si va da nessuna parte.
Così mi sono ritrovata a riflettere sulla mia curiosità: ne ho sempre avuta tanta e ciò mi ha permesso di approfondire discipline anche molto diverse tra loro e a mettere in pratica ciò che avevo imparato; mi ha aiutato a costruirmi una mente flessibile capace di adattarsi alle trasformazioni sempre più veloci e coinvolgenti dell’era dell’informazione, così che … mi è venuta voglia di coinvolgervi nelle mie curiosità.
 
Non metterò da parte lo studio della seconda dispensa di Caranti ma, prima di proseguire in quella direzione, vi incuriosirò un pochino raccontandovi come ho messo in pratica le cose che ho imparato dalla prima dispensa; non ho nemmeno messo da parte lo studio delle svariate Piattaforme di trading che ci offre il mercato, anzi la curiosità mi muove ogni giorno; nemmeno la sicurezza informatica e l’innovazione tecnologica hanno smesso di incuriosirmi, quindi continuerò a raccontarvi tutto ciò che scoprirò e che riterrò utile trasmettervi.
Vi racconterò, però, anche tante altre cose che hanno stimolato il mio interesse perché scrivendo riesco a consolidare meglio quanto apprendo e spero vi farà piacere partecipare allo svolgimento delle intricate matasse che andrò a sbrogliare.
Quali matasse? Per esempio i magici poteri della Mela più famosa del mondo che sta letteralmente facendo impazzire il mondo, ovvero l’Iphone e il sistema operativo che lo governa; gli algoritmi che regolano la nostra vita fino ad arrivare a quelli che regolano l’andamento dei prezzi nei mercati finanziari; il complesso sistema ormonale che regola le nostre vite e che, se ben conosciuto, ci può tornare utile in tanti settori della nostra vita … anche in Borsa.
Ci si può domandare cosa c’entrino tutte queste svariate curiosità con gli Strumenti Derivati, protagonisti principali del nostro Sito … C’entrano perché, dopo aver passato tanti e tanti anni sui book delle Opzioni, mi sono resa conto che sono un ottimo modello di equità, giustizia e imparzialità e ho motivo di pensare che le formule vincenti della vita hanno preso qualche spunto proprio dalle Opzioni.
 
Insomma, io ci provo. Con la speranza di non lasciare lo zampino da qualche parte come spesso accade al gatto, animale curioso per eccellenza.
A proposito! Il titolo di questa nuova rassegna contiene una piccola curiosità: oltre ad essere un famoso proverbio della tradizione popolare, è anche il nome di un gruppo musicale inglese che ha prodotto brani molto glam a cavallo tra gli anni ’80 e ‘90. I ‘Curiosity killed the cat hanno spopolato e fatto cantare migliaia di ragazzi (tra cui chi scrive …) dal 1984 al 1993 esibendosi con un genere musicale particolare nato dal connubio di acid jazz, soul, funky e pop. Il gruppo non esiste più, ma i nostalgici possono ancora lasciarsi andare alle note del solista del gruppo, Ben Volpeliere-Pierrot che, dall’inizio del nuovo millennio, si esibisce da solo nei locali di Londra mantenendo lo stesso goliardico nome curioso: ‘Curiosity killed the cat’.
 
Allora si comincia! Vi aspetto prossimamente, sempre qui su www.francescocaranti.net.
 
Erika Tassi