Trading con le Opzioni - Sicurezza sì, furbate no!

… Forse ti sarà venuto il sospetto che mi stia molto a cuore la sicurezza …
 
Infatti cerco sempre di stare aggiornato in materia, leggendo letteratura tecnica e parlando con chi di ‘sta roba mastica tutti i giorni. Come il Guardiano. Ma con lui condivido la necessità di non diventare isterico o peggio di non lasciarmi infarloccare da qualche furbetto. Nel dubbio faccio sempre qualche controllo e poi, se il caso li mando a ranare.

Qualche giorno fa leggendo uno dei miei giornalini preferiti, Idea Web, vedo che mi segnalano un programma che fa dei controlli partendo dal Web. Per un fanatico di motori, già il titolo è intrigante: http://www.pcpitstop.com/. Assicurano un controllo gratuito, altra parola magica per un ex ragazzo che ha passato un sacco di lunghe estati in Liguria, direttamente dal Web. Forte della presentazione di una rivista accreditata, mi lancio. Clikko qui e là e mi propongono di scaricare un programma, pcmatic. Bene, passa l’esame dei miei cani da guardia e lo installo. Una meraviglia! Completo e dettagliato. Parte e, dopo aver ravanato tra tutti i files e cartelle, mi tira fuori trionfante un chiaro rapporto. Bellissimo, con tanto di segnali colorati per dare immediatamente un messaggio visivo di eventuali urgenze o pericoli. Ahi, ahi .. qualche strisciolina rossa mi colpisce subito e, un po’ preoccupato, cerco di scendere nel dettaglio. Facile! basta cliccare sul tema e si apre una finestra con la spiega. In Italiano, un chicca in più così si evitano malintesi.
 
Il primo controllo mi rassicura: si tratta di un driver un po’ vecchiotto che risale al 2001 ma che riguarda la gestione di eventuali Lan domestiche. Per risparmiarmi crisi di nervi faccio colloquiare i miei computer zompettando elegantemente dall’uno all’altro con una USB in mano. Così faccio finalmente un po’ di attività fisica, come spesso mi prescrive il mio medico personale che, al sadismo professionale, aggiunge la pressante attenzione del coniuge. Inoltre, per solidarietà tra anziani, decido di risparmiare il vetusto driver e consentirgli un’onorata attività anche in vecchiaia.
 
Vado avanti nei controlli e un bel momento decido di partire da quelli che potrebbero essere più preoccupanti.  Neanche a dirlo c’è una sezione Sicurezza piena di righe rosse! Ullallà! che succede? Finestra divisa tra i Rossi e i Gialli, rispettivamente Allarmi e Suggerimenti. Mi fiondo sugli allarmi. Un ordinato elenco di Malware ad alta pericolosità. Ma se l’ultimo controllo di ieri sera dava tutto OK? vabbè, diamoci dentro con coraggio. Mi danno anche i quantitativi e la loro provenienza:
 
KaZaA          1
Grokster        1
XoloX           1
eMule           2
Dunque ho ben 5 porcherie di cui ognuna dovrebbe levarmi il sonno. Come al solito faccio un bel “control+P” per tenermi il dettaglio e, tacchete, salta fuori la finestra di MSWindows che mi dice la solita bambanata in italiacano, cioè che ho fatto un’operazione non consentita e quindi verrò terminato. Come? neanche mi lasciano stampare una documentazione? Sollevo un sopracciglio e sfodero la mia stampante ausiliare (mano destra + biro) e mi scrivo la lista che hai appena letto.
 
Poi lentamente, come si conviene ai processi faticosi e impegnativi, incomincio a riflettere. Punto primo: mai usato eMule, non è neppure installato.
Punto secondo:ho una copertura ad ampio spettro che funziona a rotazione una volta al giorno in modo che ogni poche ore e quando mi collego, parta un controllo.
Per antivirus e antimalware, rootkit e porcherie varie uso AVG http://free.avg.com/it-it/pagina-inizialee funziona bene. Ho un altro controllore installato che viene da una ditta prestigiosa ed è molto discreto: http://www.pctools.com/it/spyware-doctor/.  Ogni tanto faccio girare un tool che becca tutto: http://www.superantispyware.com/. Una suite completa ed efficiente mi fa dei controlli e delle ottimizzazioni: http://download.cnet.com/Advanced-SystemCare-Free/3000-2086_4-10407614.html. Contro i malware il programma specialistico che utilizzo è quello offerto da un gruppo di giovani tugnini: http://www.emsisoft.com/en/software/antimalware/. Puoi scegliere tra diverse versioni, tra cui una totalmente gratis.  Finora non ha mai sgarrato una volta: qualche volta addirittura mi dà dei falsi positivi, ma c’è la possibilità di segnalarlo e lui obbediente ne prende nota.
 
Per ultimo ti parlo di Hitman, il cane da guardia addestrato fuori dal mio cortile, intendo un Antivirus on the Cloud, che quindi non può risentire di diretti attacchi sul mio computer. Lo utilizzo un paio di volte al giorno non come copertura ma come controllo, proprio perché se qualche furbastro riuscisse ad accecare i miei guardiani, questo lavora comunque pulito: http://www.surfright.nl/en.
 
Intendiamoci: se ti ho presentato i miei cani da guardia, non è perché pensi che siano la soluzione finale, una garanzia assoluta. Come ci ricorda spesso il Guardiano,
non esiste una soluzione perfetta. Anche il più costoso degli antivirus può essere attaccato, anzi a volte più uno è famoso ed usato e più viene tenuto d’occhio dai malintenzionati.
Ti ho solo voluto convincere che prendo le mie precauzioni e se mi si dice che il mio computer è pieno di porcherie pericolose, mentre affidabili strumenti di controllo lavorano tranquilli, resto perplesso. A dir poco.
 
Così faccio un ultimo controllo e, pochi minuti dopo aver  ricevuto la notizia, faccio partire un altro antimalware: ‘Malwarebytes' Anti-Malware. Ecco la sua diagnosi:
 
Malwarebytes' Anti-Malware 1.44
Tipo di scansione: Scansione rapida
Elementi scansionati: 113578
Tempo trascorso: 12 minute(s), 4 second(s)
Processi delle memoria infetti: 0
Moduli della memoria infetti: 0
Chiavi di registro infette: 0
Valori di registro infetti: 0
Elementi dato del registro infetti: 0
Cartelle infette: 0
File infetti: 0
 
Morale: ho disinstallato quello che sembrava essere un meraviglioso programma e che probabilmente funziona anche bene. Già! perché dimenticavo di dirti che, per salvarmi dalle porcherie, i signori mi chiedono dei quattrini, non molti per la verità. Ma siccome mi resta il dubbio che qualcuno confonda un sano marketing per fare sacrosanto fatturato con un terrorismo dei più stupidi, non compero da chi ha perso la mia fiducia.
Io sto usando programmi nella versione free che ogni tanto mi raccontano quante cose belle potrebbero fare in più se acquistassi la versione Pro. Però il loro programma, nei limiti dichiarati, continua a funzionare. Bene anche.
 
No signori, così come me la mettete non va mica bene.
Andate per rane … la stagione è propizia!
 
Vittorio E. Malvezzi

Per informazioni, commenti o curiosità scrivete a vm@francescocaranti.net