Trading con le Opzioni - TOL15 - News su IWBANK

Autore: 

 

grosse novità in casa IWBank,così almeno ci si aspettava.

Per quanto mi riguarda, invece, sono rimasta un po’ delusa.
 
Circa un mese fa, un venerdì sera, IWBank manda ai suoi clienti la consueta mail con cui avvisa che, nel corso del week end, la Piattaforma QuickTrade sarebbe stata aggiornata. Oltre ad informarci sull’aggiornamento, ci suggerisce di aprire la piattaforma per tempo il lunedì mattina, così da poter scaricare per benino l’aggiornamento.
Io, ansiosa di vedere cosa c’era di nuovo, alle 7 del mattino aprivo già la mia QT … notando, però, che ci impiegava poi lo stesso tempo delle altre volte … ‘ mah! ‘Si vede che hanno aggiornato solo poca roba …’ ho pensato.
E ho pensato bene … !
Detto fra noi, la QT di IWBank è una piattaforma meravigliosa e mi sentirei un’ipocrita a criticarla. Ci sono però alcune cosette che non riesco a digerire e sono proprio quelle, sempre le stesse, che corro a vedere se hanno cambiato dopo gli aggiornamenti.
Ma non le cambiano mai.
 
Ad esempio: ma è proprio il caso che ci facciate circumnavigare il globo per avere a disposizione sul Pannello Quick Options tutte le scadenze, anche le più lontane? Ma non potete prendere esempio dalla T3 di WeTrade? Guardate qua che bell’Option Panel con tutte le scadenze:
 
 
Invece con IWBank bisogna sfidare Ferdinando Magellano e, per vedere schierate sul Pannello anche le scadenze più lontane, bisogna ‘circumnavigare’ …
Vi mostro di seguito una tra alcune delle modalità da seguire, quella più veloce che, alla fine del giro, ci presenta una situazione verosimile a quella di WeTrade.
Selezionare sulla barra delle icone l’icona relativa alla lente d’ingrandimento. Si apre una finestra con più linguette: cliccando sulla linguetta Opzioni e selezionando il sottostante di proprio interesse (nel nostro caso FTSE MIB INDEX), compaiono le scadenze più lontane (fino a Marzo 2011). Si può selezionare anche il range di strike entro il quale si intende lavorare.
I book relativi agli strike interessati si aprono cliccando due volte sul record corrispondente.
Praticamente, quando si lavora su scadenze lontane, questo pannello opzioni va a sostituire il tradizionale pannello QuickOptions.
 
 
Sì, vabbè … ma come mai con WeTrade possiamo arrivare fino a Dicembre 2014?
Beh, se volete potete tradare su scadenze così lontane anche con IWBank.
Ma dovete procedere così: dimenticatevi per un attimo la Piattaforma e andate nell’home page del Sito. Ecco, ve la riporto qui sotto
 
 
Sotto al pulsante Accesso area clienti, trovate alcune voci tra le quali Trader: cliccate lì.
Entrate in una pagina con l’elenco di tutti i servizi per i trader. Scorretela fino al fondo e, nel sotto-menù titolato ‘I servizi più evoluti’, cliccate sulla voce Derivati.
Si aprirà una pagina dedicata unicamente ai Derivati. Scorrete anche questa fino in fondo e cliccate sulla riga che dice ‘Per costruire i codici dei singoli strumenti cliccate qui’.
Dopo aver cliccato lì, guardate un po’ cosa vi si presenta alla vista.
 
 
Già! Avete capito bene: gli strike sulle scadenze più lontane ve li costruite voi! Vi costruite il codice, tornate sulla Piattaforma, entrate nel menù relativo alla ricerca (sempre quello con la lente d’ingrandimento), inserite il codice relativo a tipo, strike e scadenza desiderate e procedete.
Ma, dai IWBank! Perché ci rendi la vita così complicata?!
 
Altra cosina che mi infastidisce parecchio e che non cambiano mai? Il marginatore push.Personalmente mi da il tormento da dieci anni e mi sono ormai convinta che l’unico obiettivo di questo calcolatore sia quello di danneggiare giorno dopo giorno, lentamente ma inesorabilmente, le coronarie.
A cosa serve, cara IWBank? Perché SOLO TU, che sei la Number One del trading on line, utilizzi ‘sto marginatore push? Per agitarci da morire, farci alzare inverosimilmente la pressione e dirci, quando ti telefoniamo con voce tremula e ansimante, che il server rischio dice che la nostra posizione è comunque corretta: quindi ci resetti il marginatore, ci dici di chiudere e riaprire la piattaforma e poi, se crediamo, possiamo tradare.
Ma non lo capisci che dopo tutte queste angosce ci passa pure la voglia di mangiare? Come puoi pensare che si abbia ancora la voglia di tradare!
Per chi non lo conoscesse, spiego come funziona il loro marginatore: ne possiedono uno tradizionale overnight che calcola il rischio delle nostre posizioni in chiusura di ogni seduta di Borsa. E IWBank, fedele a questa tradizione, procede nel modo tradizionale e, la mattina successiva, invia una mail avente oggetto ‘Contabilità derivati del .../../2010’ con la quale ci da il buongiorno del mattino dicendoci se con le nostre posizioni siamo punibili o meno da Cassa Compensazione & Garanzia.
Poi, però, sulla Piattaforma QuickTrade c’è il Marginatore Push: è inserito all’interno della specchietto relativo alle informazioni sulla liquidità presente sul conto e disponibile per il trading in Derivati. Vi si accede cliccando sull’icona che rappresenta una grande I.

Qui di seguito potete vedere lo specchietto liquidità: il Total asset si riferisce alla liquidità presente sul conto, Margini vincolati e PL potenziale si riferisce ai margini che vi stanno applicando e PL potenziale dovrebbe dirci quanto stiamo incassando o perdendo dalle posizioni presenti in Portafoglio; in realtà, quest’ultimo spazio non l’ho mai visto riempire e, come sempre, leggo direttamente sul Portafoglio se le mie posizioni mi stanno portando in gain oppure no.

 
 
Ma torniamo ai Margini vincolati. Il marginatore push li calcola sulla base degli ultimi prezzi battuti. Quindi, indipendentemente dal fatto che noi si abbia in Portafoglio posizioni equilibrate, se viene battuto il prezzo di una posizione che in quel momento genera loss e non viene battuto quello di una posizione che genera gain … patatrack! Arriva il margine!
Ma che senso ha? Voglio dire: se abbiamo in Portafoglio una Bull Call Spread con una bella e tosta call in the money long che ci vale 3000 punti ed una call at oppure out of the money short che ci vale la metà, capita spesso che la posizione long non venga quasi più esercitata … è troppo cara. Buon per noi che l’abbiamo comprata per tempo, ma perché ci dovete penalizzare solo perché non viene più esercitata tutti i giorni? Viene battuto spesso solo il prezzo della posizione short in loss … e voi ci marginate. Non potete spiegare al marginatore push che c’è anche l’altra posizione in gain che magari in quel momento è sul balcone che si fuma una sigaretta?
 
Vabbè! Han fatto comunque il restyling dello specchietto Liquidità.
Dai, non lamentiamoci … E’ col passo lento e costante del montanaro che si raggiungono alte vette.
 
Erika Tassi
  
Per informazioni, commenti o curiosità scrivete a et@francescocaranti.net