Trading con le Opzioni: tutto il percorso sulle Piattaforme Tol da scaricare gratis

Autore: 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel cortile di uno sfasciacarrozze una piccola vecchia automobile vi racconterà di chi ha saputo umanizzarla …

Una vecchia Fiat 500 della classe ’97, di color bleu elettrico ormai sbiadito, ha stretto amicizia con un altrettanto datata Opel Corsa, stessa classe e di un color nero che oramai sa più di  grigio ma che, nei suoi primi anni di vita, le dava un tocco di stile ed eleganza senza pari.
 
Fiat 500: “Io mi chiamo Maffy e tu?”
Opel Corsa: “Maffy??? Non ho mai sentito nominare questo tipo di macchina! Vieni forse dal mondo dei fumetti?”
Fiat 500: “Beh … i fumetti sono sempre piaciuti tanto a me e alla mia padrona. Io però vengo dal mondo delle macchine vere: sono una Fiat 500 Young. Per gli amici, Maffy. La mia padrona mi ha battezzata simpaticamente ‘Maffy’. Lei ha l’abitudine di umanizzare anche le cose inanimate: solo così – dice - riesce a vedere colori, sentire profumi parole e rumori anche dove apparentemente non ce ne sono. Io le ho sempre voluto molto bene per questo. E lei mi ha sempre ricambiata!”
Opel Corsa: “Ah! Si vede come ti ha ricambiata! Ma vedi dove sei adesso?”
Fiat 500: “Certo! Sono nel cortile di uno sfasciacarrozze perché ormai ero vecchia e stanca e alla mia padrona davo solo più problemi e basta! Ma non pensare che sia stato facile per lei prendere questa decisione. Ha voluto sentire il parere dei migliori meccanici della sua città e non solo … ma la diagnosi era sempre la stessa. Poveretta, la mia padrona! Negli ultimi tempi spendeva quasi tutto il suo stipendio per farmi curare da meccanici esperti fino a che, a malincuore e con il mio sostegno, ha preso la decisione. Io ho deciso di donare tutti i pezzi che possono ancora servire ad altre macchine. Non sono triste, sai. Ho fatto una vita bella e dignitosa e, anche alla fine, posso riuscire ad essere ancora utile a qualcuno!”
Opel Corsa: “Scusa … SNIF SNIF … mi hai commossa. Ma sì, hai ragione. Sono qui anch’io per lo stesso motivo. Il mio padrone è un medico e, anche se non mi ha mai dato un nome simpatico come il tuo, mi ha sempre voluto un mondo di bene come ne hanno voluto a te. Anche lui, in fondo in fondo, mi aveva umanizzata: eravamo diventati ottimi amici e, soprattutto alla fine, collaboravamo molto per tirare avanti. Dovevi vederlo come si prodigava quando, sfinita dalla sete, mi fermavo: lui calzava i pattini a rotelle che teneva nel bagagliaio e pattinava fino al benzinaio più vicino con una cisterna vuota in mano! Ho deciso anch’io di donare i mie pezzi ancora buoni, sai!”
Fiat 500: “Vedo che siamo nella stessa barca, allora! Vabbè: nello stesso sfasciacarrozze. Adesso la mia padrona si è un po’ consolata, anche se ha sofferto tanto quando mi ha portata qua e mi ha detto addio per sempre. Piangeva come una bambina quella matta! Fra l’altro, voci di corridoio mi hanno riferito che adesso circola con una Punto capricciosa che la fa innervosire da mattina a sera. Le sta talmente antipatica che non le ha ancora dato un nome! Ma penso sia solo questione di tempo … la mia padrona è paziente e presto riuscirà a trovare il modo di diventare sua amica”
Opel Corsa: “Anche il mio padrone era commosso quando mi ha portata qua. Al solo ricordo di quel giorno mi vengono ancora le lacrime agli occhi. Ma adesso basta con i ricordi e i sentimentalismi! Dimmi un po’: com’è che hai chiesto di poter parlare come gli umani?”
Fiat 500: “Perché, in segno di stima nei confronti della mia padrona, ho deciso di farle un regalo prima di addormentarmi per sempre”
Opel Corsa: “Cioè?”
Fiat 500: “Devi sapere che, circa una decina d’anni fa, tramite amici ha conosciuto le Opzioni: strumenti di Borsa Derivata interessanti e profittevoli ma molto difficili da gestire. La mia padrona ne ha viste di tutti i colori con ‘ste Opzioni! E io so tutto perché metteva sempre nel mio bagagliaio il suo computer portatile con la chiavetta per la connessione e, in alcuni momenti, mi accostava a un marciapiede, accendeva il computer e tradava e parecchie volte si arrabbiava assai. Io so tutto perché lei faceva queste cose parlando a voce alta e si confidava con me! Praticamente diceva che tutti facevano un gran parlare delle Opzioni, dicevano che erano un metodo di investimento rivoluzionario ma, in realtà, nessuno le conosceva bene e le sapeva usare in modo saggio e coerente: altro che guadagnare! Si perdeva spesso e volentieri se non le si maneggiava con cura!”
Opel Corsa: “Accipicchia! Ma quindi giocava in Borsa come si gioca al Casinò o alla Lotteria e ha perso tutto?”
Fiat 500: “No, non ha perso tutto. Qualcosina sì, ma si è ravveduta in tempo. Ha capito che se continuava a fare come le avevano detto di fare, sarebbe stato solo un gioco d’azzardo e di investimenti nemmeno l’ombra. Così si è messa a cercare e a studiare e cercando e studiando ha incontrato persone capaci e preparate che le hanno confermato le sue supposizioni ma le hanno anche insegnato a tradare le Opzioni con saggezza. Alla fine le Opzioni di Borsa Derivata sono diventate la sua passione e ha continuato a studiare studiare studiare: ha approcciato le Piattaforme TOL più note e ne ha smascherato trucchi e segreti; è entrata nelle viscere dei computer per capire come fregarli quando si piantano  proprio mentre lei trada e … Non ti dico più niente. Lo racconterò in un mega-file in .pdf ai lettori del sito con cui collabora. Potranno scaricare i percorsi della mia padrona gratis e ne darò una copia gratis anche a te”
Opel Corsa: “Che meraviglia! Sono proprio curiosa di leggere! Ma, ti posso aiutare in qualche modo?”
Fiat 500: “Ma, non saprei, avrei bisogno di una cosetta ma non so se mi puoi aiutare”
Opel Corsa: “Forza! Sputa il rospo! Sono una macchina dalle mille risorse io!”
Fiat 500: “Beh … avrei bisogno di un mio ritratto da inserire nel contributo che presenterà il file in .pdf da scaricare. Vorrei però che fosse un disegno simpatico e divertente … vorrei presentarmi al Sito come la mia padrona mi ha sempre presentato al mondo … ma non so come fare”
Opel Corsa: “ Io, invece, lo so. Dai! Apri il mio bagagliaio: il mio padrone mi ha lasciato tanti bozzetti e schizzi in ricordo della nostra ‘grande avventura’ insieme. Sai, lui è un medico ma il suo hobby è sempre stato il disegno: non escludo che trovi un ritratto di una Fiat 500 perché  beh in passato avevo perso la testa per una carina come te … OOPS! Sto arrossendo e scaldandomi troppo … Dai, forza! Apri il bagagliaio!”
Fiat 500: “Ehm … Ok, grazie. Ehi!!! Ma c’è! Ci sono! E’ tale e quale a me! Posso portartela via solo per qualche giorno?”
Opel Corsa: “Puoi anche tenertela. Ora sono in tua compagnia … e non mi serve più”
 
 
L’indimenticabile Fiat 500 Young di Erika Tassi